Le ultime News di Cerioni Casa Immobiliare

Un gestore su quattro si affida ai blog. E cerca le notizie su Twitter


Per Twitter il dato è uno su otto, tre volte in più rispetto a due anni fa (il 12% nel 2012 contro il 4 % nel 2010). Lo rivela un'indagine di Brunswick Group su un campione di circa 500 investitori istituzionali e analisti "sell side" in Nord America, Europa e Asia, che ha preso in esame l'evoluzione dell'impatto dei digital media e della comunicazione corporate sulle loro raccomandazioni e decisioni d'investimento dal 2009, quando è stato stabilito il benchmark iniziale. L'utilizzo dei digital e dei social sta crescendo rapidamente. Il 56% degli investitori in Europa considera che il ruolo dei digital media stia diventando sempre più importante nel processo decisionale sugli investimenti. E il 14% dei partecipanti ha incluso "digital e social media" tra le tre fonti più influenti, il che significa più di un raddoppio rispetto al 6% di due anni fa. Riguardo a Twitter, il numero di professionisti dell'investimento che hanno approfondito un tema dopo aver appreso la notizia sulla piattaforma di microblogging è quasi triplicato dal 2010 (30% nel 2012 contro l'11% nel 2010). articoli correlati Twitter super valutazione da 9 miliardi. Li vale tutti o è una bolla? Il confronto con Facebook Quando Twitter è una fonte di guadagno: l'esperimento dell'Associated Press Il 57% degli intervistati ha comunque scelto come fonte più influente l'informazione diretta dalle società, mentre l'85% ha indicato quest'opzione tra le prime tre fonti di influenza. All'interno di questa categoria, il rapporto diretto con il management è di gran lunga il fattore più importante. Ma il 14% dei partecipanti ha incluso "digital e social media" tra le tre fonti più influenti, in aumento rispetto al 6% di due anni fa. L'86% degli investitori dice che i digital e social media sono cresciuti di importanza quest'anno, con gli investitori asiatici in prima linea. Al contrario, i servizi di informazione e abbonamento in tempo reale come Bloomberg e Reuters, sono scesi di 10 punti e sono scesi al terzo posto.